Telethon d’aMare: raccolti 1.000 euro per sostenere la ricerca

Telethon d’aMare: raccolti 1.000 euro per sostenere la ricerca
A conclusione della manifestazione Telethon d’aMare, ai nostri microfoni incontriamo Antonio Galati, il promotore di questa importante iniziativa.

  • Una tre giorni di manifestazione che ha visto la partecipazione di centinaia di persone. Quanto tempo avete impiegato per organizzare tutto nel modo migliore?

13139235_235421760157029_1417219822195933793_n “Per preparare questa tre giorni ci sono voluti mesi di preparazione anche perché un’evento del genere ha delle peculiarità difficilmente viste in altre manifestazioni. Infatti, normalmente questi eventi sono statici mentre qui abbiamo non solo voluto far vedere le attrezzature su di un manichino ma abbiamo voluto portare la gente in acqua, e debbo dire che abbiamo riscosso un ottimo consenso infatti in tanti hanno partecipato; chi mosso dalla passione chi dalla curiosità di sapere qualcosa di più su questo straordinario mondo. Purtroppo il tempo non è stato clemente ed abbiamo potuto svolgere un solo giorno di attività anzi in realtà nemmeno tutto! Infatti il mare di sabato ci ha costretti a riprogrammare tutto; dal luogo d’immersione ad organizzare i mezzi necessari per raggiungerlo”.

  • Quante immersioni siete riusciti a seguire in totale? E quanti e quali erano le associazioni coinvolte? 

“In tre giorni di cui solo il venerdì pomeriggio, il sabato mattina e la domenica mattina abbiamo portato in acqua circa 60 persone. Farlo non è stato facile ma la collaborazione di tutti lo ha reso possibile. Infatti sono state ben 12 tra associazioni, diving e scuole a mettersi in gioco per vincere la scommessa. A tutti loro va un enorme Grazie perché hanno fatto capire alla gente che il mare è una ricchezza che bisogna tutelare e rispettare”

  • Sostenere la Fondazione Telethon è stato un progetto importante. A cosa serviranno adesso i fondi donati?
“Lo scopo principale ovviamente è stato raccogliere fondi per sostenere la Fondazione Telethon è questo nobile intento ha fatto si che scetticismi e barriere venissero abbattute e che si lavorasse in armonia e serenità come una vera famiglia sa fare. Una vera famiglia, cosi il Dott. Maurizio Gibilaro Coordinatore Provinciale la chiama e lui come un buon padre ha dato fiducia ad un suo volontario Antonio Galati che assieme a tanti altri ha reso possibile tutto ciò. Al termine di questa splendida avventura sono stati raccolti circa 1000€ che serviranno per finanziare i programmi di ricerca sulle malattie genetiche gravi. Che dire se non grazie a questi uomini di mare dal cuore grande”
  • Prossimi appuntamenti? Possiamo aspettarci una seconda edizione? 
“Ora bisogna cominciare a pensare all’estate e ad organizzare nuovi eventi ma sicuramente a preparare la seconda edizione di Telethon d’aMare !!!” …

Potrebbero interessarti anche …

Invia commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi necessari sono contrassegnati da *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.