Incentivi per giovani talenti. Se ne parlerà il 3 Maggio a Paternò

Si tratta di una delle opportunità di investimento rivolte ai giovani ormai più diffusa in tutti i territori del Sud Italia. Si chiama “Resto al Sud” e offre ai giovani imprenditori la possibilità di richiedere un finanziamento con il 35% dell’importo a fondo perduto.

Catania è considerata la provincia siciliana economicamente più produttiva. I tassi di crescita crescono insieme alla nascita di piccole e nuove imprese. Ed il coraggio imprenditoriale è spesso associato alle idee di giovani talenti. Cibo, vino, turismo e servizi sono il traino del rilancio dell’economia locale. Il Made in Sicily cresce sempre di più in tutto il mondo e inorgoglisce il territorio. Restare indifferenti è davvero impossibile.

Partecipare a progetti di finanziamento che rilasciano incentivi ed agevolazioni è possibile ma spesso la strada non è semplice. La burocrazia ed il linguaggio ancora complesso usato dalla pubblica amministrazione di certo non agevolano il processo di verifica delle opportunità offerte ll’Europa e dal sistema regionale. Dialogo, ascolto e partecipazione sono indispensabili. E avere il supporto concreto di chi può fornire informazioni può essere un motivo in più per sentirsi al sicuro e mettersi in gioco.

Ecco perché – dall’idea del consigliere comunale di Paternò, Agata Marzola, e dall’assessore alle Attività Produttive, Vito RauVenerdì 3 Maggio presso la Biblioteca di città, si svolgerà un incontro tematico utile agli aspiranti imprenditori. Alcuni tra i dirigenti di Invitalia e i responsabili del progetto Resto al Sud illustreranno alla platea le possibilità di finanziamento, le opportunità e le modalità per presentare le richieste.

Un incontro informativo con un obiettivo concreto: ridare speranza ai sogni di tanti.

L’incontro sarà occasione per trovare le risposte a tutte le domande necessare per partecipare a Resto al Sud.

Ma di cosa si tratta nello specifico?

Resto al Sud è l’incentivo che sostiene la nascita di nuove attività imprenditoriali avviate dagli under46 nelle regioni del Mezzogiorno. 

Le iniziative che si possono finanziare riguardano:

  • produzione di beni nei settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura
  • fornitura di servizi alle imprese e alle persone
  • turismo

Sono escluse dal finanziamento le attività agricole e il commercio.

Il finanziamento copre il 100% delle spese ammissibili e consiste in:

  • contributo a fondo perduto pari al 35% dell’investimento complessivo
  • finanziamento bancario pari al 65% dell’investimento complessivo, garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI. Gli interessi del finanziamento sono interamente coperti da un contributo in conto interessi.

Venerdì 3 Maggio alle 17.30 saranno presenti il sindaco Nino Naso, il deputato regionale Gaetano Galvagno, oltre che l’assessore Vito Rau e il consigliere Agata Marzola.

Interverranno:

Giuseppe Glorioso di Invitalia, Massimo Cartalemi, componente della commissione finanza agevolata dell’ODCEC Sicilia e Agatino Di Gregorio di Banca Intesa San Paolo.


Leggi il resto
Commenti:0 / Condividi: