Catania: l’app per ordinare a domicilio che va verso 1 milione di euro di fatturato

Catania: l’app per ordinare a domicilio che va verso 1 milione di euro di fatturato

Nel 2013 era la semplice idea di un ragazzo di soli 20 anni. Negli anni è diventata un progetto condiviso e approvato. Oggi, a distanza di soli 4 anni, “Presto Food” è un’azienda con più di 50 dipendenti e 16 mila utenti attivi che ha l’obiettivo di colonizzare tutto il Sud Italia.

Il Blog che Vale torna questa settimana con una nuova storia di valore. Quella che vi raccontiamo, infatti, è la storia di Guido Consoli, 27 anni, nato e cresciuto a Catania e oggi fondatore diPresto Food“, l’applicazione che ti consente di ordinare il tuo menù preferito a domicilio direttamente dal cellulare a casa tua che per la prima volta va verso un fatturato di 1 milione di euro l’anno.

Era il 2013, infatti, quando Guido, a soli 20 anni ma con una buona esperienza nel mondo della ristorazione catanese, decise di investire il suo tempo ed il suo futuro nella sua idea: creare un algoritmo in grado di mettere in rete tutti i migliori ristoranti della città e consentire ai suoi utenti di ordinare il menù preferito direttamente da casa. La novità? La possibilità di ordinare dal proprio cellulare menù diversi da ristoranti diversi e ricevere a casa propria la cena nello stesso identico momento. 

Un servizio che sta al tempo con le dinamiche dei social e della rete e che accorcia le distanze senza diminuire la qualità. I ristoranti scelti per aderire al progetto, infatti, come ci racconta lo stesso Consoli, sono solo quelli considerati “premium”, che detengono quindi caratteristiche di qualità e prezzo in linea con tutta la politica dell’azienda orientata ad un target di utenti abituati a vivere la città ed amare la rete eccellente della ristorazione catanese.

Una rivoluzione, insomma, in termini tecnologici e di innovazione che ha permesso ad un giovane ventenne di portare la sua startup ad essere oggi leader nel settore del food delivery in tutto il Sud Italia. Non a caso, proprio in questi giorni Presto Food ​ha chiuso il suo primo round di investimento da 150.000 euro​ grazie al coinvolgimento di un business angel (che vuole rimanere anonimo) legato ad un grande player nazionale della logistica e anche grazie all’advisorship di Comunicatica Srls.

Ad oggi ​l’azienda è attiva a ​Catania​, ​Palermo​, ​Reggio Calabria e a breve anche su ​Messina ma l’obiettivo – ha dichiarato Guido Consoli​, Founder & CEO, a margine del suo comunicato stampa – è quello di espanderci anche in Puglia, Campania e Sardegna. Con ​oltre 50 driver e più di 200 ristoranti e con una roadmap per l’espansione in tutto il Meridione​, ​Prestofood.it si appresta ad essere la startup leader nel food delivery, puntando a chiudere il 2017 con oltre 1 milione di fatturato​”.

Jacopo Paoletti, Founder & CEO di ​Comunicatica ha poi spiegato che la partecipazione dell’agenzia in questo progetto di rifinanziamento va in questa direzione, ovvero: “puntando alla crescita della stessa nel breve periodo​ ​e​ ​in​ ​ottica​ ​di​ ​valorizzazione​ ​di​ ​questo​ ​nostro​ ​importante​ ​asset​ ​nel​ ​lungo​ ​termine”.

“La soddisfazione più grande – ha concluso lo stesso Consoli – è vedere l’interesse anche dei giovani universitari e degli stessi atenei siciliani che sono sempre più interessati a far conciliare la pratica delle buone idee con quella della perfetta preparazione accademica”.

 

Potrebbero interessarti anche …